domenica 11 gennaio 2015: Corriere della Sera – la Lettura

bloom_harold-19890302022R.2_png_300x357_q85

David Levine Harold Bloom

.

Corriere della Sera

.

Sergio Romano Allearsi con il diavolo per battere il terrore. Una guerra che non va perduta

.

Ernesto Galli Della Loggia Una scomoda denuncia dell’album di famiglia. Assassini. Il coraggio di dirlo

.

→ Alberto Arbasino Micene, Mikonos e le micie. Breve trattatello di neoretorica. Vintage

.

→ Paolo Mereghetti Rosi. Il maestro della denuncia. Addio al regista dell’impegno civile. Diceva: il cinema è realtà

.

Raffaele La Capria Noi, i sogni e quello sguardo sulla democrazia ammalata

.

la Lettura

.

Beppe Severgnini You Tube. La tv sono io. Dieci anni fa un ragazzino caricava un video di 19 secondi su una gita allo zoo. Da allora il canale ha cambiato il modo di fare (e guardare) televisione e cinema. E di vivere 

.

Luisella Battaglia Gli animali vanno a caccia di diritti. Dai primi passi nell’Illuminismo al contrasto tra Garibaldi e Pio IX. E ora le istanze morali dei filosofi trovano riscontro nelle sentenze

.

Michele Ainis Attenti alle sbornie. Troppe garanzie si annullano tra loro. Normative. All’inizio fu la Magna Charta. Oggi un florilegio intasa il Parlamento

.

→ Stefano Montefiori La scuola ribelle dei computer.  Fondata da Xavier Niel, ex prodigio dell’informatica, la «42» di Parigi muta gli studenti in talenti della programmazione. Aperta 24 ore, niente curriculum né nozioni.  «Insegniamo ai ragazzi a diventare geni»

.

→ Adriano Favole Non c’è religione senza feticci. Ogni fede, anche la più iconoclasta, ha bisogno di materia sacra: oggetti, immagini. Esserne consapevoli può garantire uno sguardo «neutrale». Ugo Fabietti  Materia sacra. Corpi, oggetti, immagini, feticci nella pratica religiosa  Raffaello Cortina (pp. 308, € 25)

CSO-34-Fabietti-S-800x800

.

→ Carlo Bordoni  Basta attese. Il desiderio è sempre più breve. L’homo consumens ha sostituito l’homo desiderans (nonostante la crisi economica), l’unico che produce futuro

.

Elisabeth Strout Patatine, vino, Graham Greene, lì è nata la mia Professoressa. La scrittrice racconta la stesura del testo e la scoperta di vedere il personaggio sullo schermo. «Quando lavori a un romanzo sei solo, sul set di un film non succede mai»

.

→ Roberto Galaverni Lo struzzo ingoia brace e digerisce granito. È Adonis, quasi quasi il John Keats d’oggi. Tradotto per la prima volta «Singolare in forma di plurale» dell’autore arabo, volume degli anni Sessanta tuttora esemplare

.

→ John Berger La lingua è mia madre. Autoritratti. L’autore riflette su 80 anni di militanza letteraria

.

→ Stefano Bucci Le parole oltre le parole. La scrittura come arte. Alfabeti. Baruchello, Kosuth e la Madonna del Magnificat di Raffaello

.

★ Alessandra Farkas Dio è un personaggio letterario. Harold Bloom crede nei classici e nella poesia. «Mi resta poco tempo, leggo e rileggo i giganti».   A casa del più celebre critico del mondo. Qui tiene ancora corsi per pochissimi allievi senza mollare la presa sul mondo

.

⇒ Donatella Di Cesare Facciamo pace con il caso. La smania di prevedere e calcolare non ci aiuta ad affrontare il futuro. Scienza e filosofia a confronto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...