domenica 11 gennaio 2015

e2c8a99ffe69d17f35e5e0facf24bfc4

Stefania Sandrelli

.

la Stampa

.

Fulvia Caprara Francesco Rosi. Il cinema come impegno civile. L’addio al regista che ha messo il dito nelle piaghe dell’Italia contemporanea. Per lui ogni film era una battaglia, da combattere a viso aperto

.

Alessandra Levantesi Kezich Napolitano, La Capria e Scola. Metti una sera a cena a casa Rosi. Nella vita privata era come nel cinema: appassionato e intenso, sapeva anche essere sensibile e generoso

.

Marinella Venegoni Guccini: questa la verità sulla mia “Locomotiva”. Il cantautore alle celebrazioni dei 150 anni della morte dell’anarchico Gori: “Ne ho dato una visione romantica”

. Continua a leggere

domenica 11 gennaio 2015: il Sole 24Ore – Domenica

Manzoni1376

Tullio Pericoli Alessandro Manzoni

.

il Sole 24Ore

.

Luca Ricolfi Le «cinque giornate» dell’Europa

.

Domenicale

.

⇒ Salvatore Silvano Nigro Senza Colonna non è Manzoni. Due ottime edizioni ci restituiscono tutte le sfumature dei «Promessi sposi». Ma proporli insieme o meno alla «Colonna infame» fa la differenza

.

⇒ Armando Massarenti L’Eco di mille complotti. Un «conte philosophique» sulla tendenza a vedere cospirazioni ovunque, che a volte si rivelano più vere del vero

.

★  Alfonso Berardinelli Nell’Italia dei Tartufi. Gli scritti dedicati da Cesare Garboli all’opera di Molière: un filtro per leggere la realtà e il ruolo degli intellettuali

. Continua a leggere

domenica 11 gennaio 2015: Corriere della Sera – la Lettura

bloom_harold-19890302022R.2_png_300x357_q85

David Levine Harold Bloom

.

Corriere della Sera

.

Sergio Romano Allearsi con il diavolo per battere il terrore. Una guerra che non va perduta

.

Ernesto Galli Della Loggia Una scomoda denuncia dell’album di famiglia. Assassini. Il coraggio di dirlo

.

→ Alberto Arbasino Micene, Mikonos e le micie. Breve trattatello di neoretorica. Vintage

.

→ Paolo Mereghetti Rosi. Il maestro della denuncia. Addio al regista dell’impegno civile. Diceva: il cinema è realtà

.

Raffaele La Capria Noi, i sogni e quello sguardo sulla democrazia ammalata

.

la Lettura

.

Beppe Severgnini You Tube. La tv sono io. Dieci anni fa un ragazzino caricava un video di 19 secondi su una gita allo zoo. Da allora il canale ha cambiato il modo di fare (e guardare) televisione e cinema. E di vivere 

.

Luisella Battaglia Gli animali vanno a caccia di diritti. Dai primi passi nell’Illuminismo al contrasto tra Garibaldi e Pio IX. E ora le istanze morali dei filosofi trovano riscontro nelle sentenze

.

Michele Ainis Attenti alle sbornie. Troppe garanzie si annullano tra loro. Normative. All’inizio fu la Magna Charta. Oggi un florilegio intasa il Parlamento Continua a leggere

domenica 11 gennaio 2015: la Repubblica

eef56d348d576f65057f4634811fe935

Ferdinando Scianna

.

Paolo Sorrentino Addio Rosi, le mani sul cinema. Il regista aveva 92 anni: dal “Caso Mattei” a Márquez tra impegno e sogno

.

Paolo D’Agostini Addio a Francesco Rosi il maestro del cinema che trasformò l’impegno in un capolavoro. Il grande regista. È morto a 92 anni nella sua casa romana, circondato dall’affetto della figlia Carolina e dei “discepoli”. I suoi film, dal ’62 in poi, sono racconti e inchieste incisive dei mali che ancora oggi affliggono il paese

.

Francesco Erbani La Capria: “A passeggio insieme, così nacque le Mani sulla città”

.

Arianna Finos “Franco, Fellini e io… La nostra generazione ha cambiato l’Italia”. Ettore Scola. Il regista racconta il suo rapporto con Rosi 

Continua a leggere

domenica 11 gennaio 2015: il manifesto – Alias della domenica

francesco-rosi

Francesco Rosi

.

il manifesto

.

→  Cristina Piccino e Giona A. Nazzaro Cinema come impegno civile. Maestri. Muore a 92 anni il regista Francesco Rosi, una visione lucida sulla nostra epoca e sui guai della sinistra. Da «Le mani sulla città» passando per «Il caso Mattei». Senza censure nei suoi film ci si confrontava sempre con i lati più oscuri della Storia del nostro paese

.

→ Luciana Castellina Francesco Rosi, il cinema combattente. Cinema. Muore a 92 anni il regista Francesco Rosi, uno sguardo lucidissimo sulla nostra epoca e sui guai della sua sinistra. Da «Le mani sulla città» passando per «I magliari», «Salvatore Giuliano», «Lucky Luciano» fino a «La Tregua

.

Giovanna Branca Da Colombo a Gregoretti: «Un uomo sempre coraggioso». Cinema. Le voci e le testimonianze di chi ha conosciuto il grande cineasta scomparso ieri a 92 anni Continua a leggere