martedì 28 ottobre 2014

10406701_10152811241309241_5168487604331407644_n

.

la Repubblica

.

Guido Crainz Il fantasma delle due sinistre

.

Sebastiano Messina “Matteo abbatte i simboli della socialdemocrazia per sedurre il centrodestra con il Partito della Nazione”. Intervista a Massimo Cacciari

.

Sara Grattoggi La nuova luce della Cappella Sistina. “Per proteggerla ci sarà il numero chiuso”.  Settemila led, climatizzazione di ultima generazione e occhiali in tre D per i visitatori: ecco tutte le novità per tutelare gli affreschi

.

Federico Rampini  Il capitalismo Zen. Yoga, buddismo, manuali, corsi di meditazione e ritiri filosofici: nelle aziende americane è boom di attività spirituali. Ma c’è anche chi accusa: il vero obiettivo della “strategia del karma” è la docilità dei dipendenti. Di fronte a gerarchie, ingiustizie e discriminazioni

.

→ Raffaella De Santis “Niente paura il libro resiste ai barbari”. L’ebook, Amazon, il nuovo testo teatrale: a vent’anni da “Novecento” intervista ad Alessandro Baricco

.

Stefania Parmeggiani Rovelli: “Ma scienza e fede devono restare separate”. Il fisico: “Vanno bene le aperture, però il nostro lavoro non ha nulla a che vedere con i racconti della Genesi”

.

Corriere della Sera

.

⇒ Francesco Piccolo Purezza o riformismo. Le sinistre al bivio.  Il governo Renzi pone di fronte a una scelta: tornare a una riserva sicura, dove le idee si conservano intatte perché mai messe alla prova, o seguire la strada sconosciuta di fare (e non solo evocare) il cambiamento

.

Gian Arturo Ferrari Un modo per sprecare i finanziamenti pubblici della cultura.  Nel museo dei bronzi di Riace si nota una grave incuria: rare didascalie che non spiegano e segni sui muri non cancellati. A Vibo, invece, un festival  fa onore alla Calabria

.

⇒ Pierluigi Battista Pennacchi, libri da infarto. La scrittura come eccesso. Opere dolenti e spassose s’intrecciano con la lotta ai malori fisici. «Camerata Neandertal» (Baldini&Castoldi) parte da scoperte archeologiche al Circeo. Il premio Strega 2010 racconta se stesso, il fratello e il rapporto tra dolore e scrittura

.

Pierluigi Panza Mercato, digitale e comunicazione. Tre pericoli per l’arte del futuro. Nel nuovo saggio di Vittorio Gregotti il richiamo a costruire criticamente

.

Paolo Di Stefano Le risorse dei librai al tempo di Amazon

.

la Stampa

.

Gian Enrico Rusconi Intellettuali. Un bersaglio sbagliato

.

Cesare Martinetti Il ministro della Cultura senza libri

.

Mario Calabresi Dal nostro inviato Carlo Levi. Raccolti in volume i reportage dall’India e dalla Cina realizzati per La Stampa tra il 1957 e il ’59. Quando un altro modo di fare giornalismo era possibile

.

Paolo Bertinetti Vampiri, spettri e serial killer il fascino discreto della paura. Alla British Library di Londra una mostra su 250 anni di storie terrorizzanti, tra realtà e finzione letteraria

.

il manifesto

.

Sandro Mezzadra La lunga marcia dei costituenti. Derive continentali. Una via di uscita dalla «decostituzionalizzazione» degli assetti istituzionali è lastricata di insidie. Per questo le esperienze che contrastano un modello di società basato sul libero mercato possono fornire gli elementi in grado di dar vita a innovativi processi giuridici sia a livello nazionale che sovranazionale. Un percorso di lettura a partire dal volume «Il tempo delle costituzioni». Giu­seppe Alle­gri e Giu­seppe Bron­zini, Il tempo delle Costi­tu­zioni. Dall’Italia all’Europa (Mani­fe­sto­li­bri, pp. 191, euro 19)

.

→ Leonardo Clausi «Le vite degli altri» in Inghilterra. Archivi aperti. Escono i dossier degli 007 inglesi sugli intellettuali di sinistra, da Hobsbawm a Doris Lessing. Ore e ore di telefonate e di lettere spiate, fra strategie politiche e momenti privatissimi

.

il Fatto

.

Antonello Caporale Intellettuali dei suoi stivali: Matteo come Craxi

.

→ Daniela Ranieri La Storia val bene una fase (paracula)

.

Chiara Daina Il futuro del giornalismo? Su Facebook e Youtube

.

il Messaggero

.

→ Valeria Arnaldi Il crepuscolo del dialetto. Le donne lo parlano sempre meno, le madri non lo insegnano ai figli. Soprattutto al centro l’uso è diminuito. Così le lingue locali lasciano sempre più spazio all’italiano. Come prova il nuovo rapporto elaborato dall’Istat

.

il Mattino

.

Silvio Perrella Leopardi a Napoli e la modernità smarrita

.

Avvenire

.

Dorian Malovic Cina, ripulisci il tuo passato. Intervista a Mo Yan. La lotta alla corruzione, vero cancro del Paese; i problemi ecologici sempre più pressanti; la necessità di creare uno Stato di diritto: parla il Nobel  per la letteratura 2012

.

il Foglio

.

⇒ Annalena Benini Da paura. Topi, serpenti, chihuahua, ascensori. La memoria genetica rende le fobie assurde e poco social (peggio per voi)

.

Michele Masneri In “Vita Leopolda” ci sono luci calde, mani di lady e neofiti spauriti

.

→ Alfonso Berardinelli Discorsi a tavola, tra bimbi e pupe, letterati, esteti e strani cristiani

.

Marco Valerio Lo Prete “Alla fine sarà Berlino a uscire dall’euro”. Un autorevole leakSeparazione consensuale, l’Italia resta nella moneta bis. Girotondo si analisti: Lombardi, Pilati e Zingales

.

→ Maurizio Stefanini Pepe, il saggio con la zucca. Storia esemplare di Mujica, il presidente ex tupamaro e contadino che vive da povero, guida l’Uruguay come un Maggiolino ma piace al Papa e anche ai liberisti 

.

Libero

.

Giordano Tedoldi L’incubo peggiore: un bambino scomparso. Esce «Missing: New York». Dopo il successo di capolavori di genere come «Le belve», Don Winslow mescola thriller e giornalismo per raccontare la sparizione di un minore. E indagare uno dei più grandi mali degli Stati Uniti

.

il Giornale

.

Vladimir Putin Così le nazioni dell’Europa stanno perdendo la loro sovranità. Un discorso programmatico, da vero capo di Stato. Quello tenuto dal presidente russo Vladimir Putin il 24 ottobre scorso, alla sessione plenaria del Forum internazionale del «Club Valdai» (la fondazione noprofit che da anni si occupa del ruolo geopolitico della Russia nel mondo), non è una dichiarazione di guerra, ma un duro messaggio all’Occidente e in particolare agli Stati Uniti. Dagli errori in Medio Oriente alla lotta al terrorismo, dalle sanzioni dopo la crisi ucraina alle ingerenze economiche e politiche, Putin spiega perché la Russia non cambia posizione. E anzi, rilancia il suo ruolo di superpotenza

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...