sabato 4 ottobre 2014: il manifesto – Alias

pg3-robot
.
.
il manifesto
.
.
Mirella Bentivoglio Una feconda babele linguistica. Mostre. I testi e i libri del critico e poeta ludico Emilio Villa esposti dal 9 ottobre presso lo Studio Varroni-Eos
.
.
Paolo Ercolani Una teologia che sfida il maschile. «Al di là del genio femminile» di Benedetta Selene Zorzi per Carocci. Dalla Bibbia alla patristica, una lettura dei testi religiosi in dialogo con il femminismo
.
.
Cristina Morini La famiglia è flessibile. La raccolta di saggi «L’amore ai tempi dello tsunami», uscita per ombre corte, lancia una sua sfida alla precarietà. Se da una parte lo smantellamento dei diritti e del welfare ha travolto ogni certezza, dall’altra ha autorizzato la nascita di nuove figure affettive e scelte riproduttive eccentriche
.
.
il manifesto – Alias
.
.
→ Benedetto Vecchi Il virus mutante della condivisione. Il capitale a caccia di commons. Aprire la “scatola nera” di un manufatto per capire come funziona e come replicarlo con la partecipazione diretta di chi lo usa
.
.

Marina Catucci La rivoluzione industriale 2.0. Maker Faire. Una cultura saldamente legata al movimento open source: saperi, risorse intellettuali e competenze tecnologiche da condividere
.
.
Andrea Capocci Che fare? Il maker. Maker Faire a Roma. Strategie. I miracoli non esistono, ma anche in contesti meno malandati del nostro, si guarda al movimento dei makers come a un possibile “nuovo capitalismo”
.
.
Luca Celada Smanettatori unitevi: i makers costruiscono il futuro. Intervista. Dale Dougherty: “Se vogliamo avere una voce in capitolo nel futuro dobbiamo innovare e questo significa immaginare e costruire cose che non si possono comprare
.
.
Marina Catucci Anche la riabilitazione neuromotoria della società si stampa in 3D. Maker Faire. Storia di Riprendo@Home, progetto di ricerca italiano. La macchina che abbatte i costi sanitari e psicologici è una “win win situation”. Ma cosa c’entra la fisioterapia con le bambole che camminano da sole e gli amplificatori a contatto?
.
.
Aldo Colonna Siamo tutti in pericolo. Intervista. “Entrare nel personaggio, nell’uomo, nello scrittore, dice Willem Dafoe interprete di Pasolini di Abel Ferrara, è stato per me certamente un punto di arrivo e alla fine ho avvertito sulla pelle il suo coraggio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...