domenica 10 agosto 2014: la Repubblica

1211

La poesia del mondo

→ Walter Siti La speranza che sfiorisce nella rosa di Ronsard. Maria di cui commemora la morte non è una contadina ma una principessa. Attraverso di lei e alla brevità della sua vita il poeta francese, tradotto in modo coraggioso e perfetto da Mario Luzi, canta la caducità del tempo e la fine del sogno dell’Umanesimo

.

Straparlando

★ Antonio Gnoli Eva Cantarella. “Ho scelto tra diritto e miti greci ora so che Antigone aveva torto”. La passione per l’epica ereditata dal padre. Il ruolo delle donne, Kennedy e gli anni della cultura libertaria in California. I ricordi di una studiosa sospesa tra Omero e la legge

.

→  Adriano Sofri L’odio antisemita sui muri di Roma

.

→ Federico Fubini La lezione della Spagna così ha ripreso a correre

.

Daria Galateria Il bestiario di Proust

.

Stefano Bartezzaghi I fabbricanti di lingue. Si chiamano “conlang” “constructed language”. Si parlano in Rete e nei mondi di fantasia dei romanzi. Hanno grammatica sintassi, fonetica. Esercizio di stile o ultima delle utopie?

.

Anna Bandettini Dario Fo: “Perché il mio grammelot è una vera scienza”

.

Michele Mari Venite a Gormenghast culto per iniziati. La trilogia. Michele Mari racconta la saga fantastica scritta da Mervyn Peake. Castelli kafkiani e immaginari tolkeniani, ancora poco conosciuti dal pubblico

.

Lea Mattarella Informale. Da Aosta alla Sicilia nel segno di Burri alla riscoperta del movimento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...