domenica 1 giugno 2014: il Sole 24 Ore – Domenica

machiavelli

.

→ Armando Massarenti Vale più la virtù o la fortuna? Machiavelli non disse mai che il fine giustifica i mezzi. Il «Principe» è un classico da rileggere  a partire da un’idea più sofisticata, quella della «sorte morale»

.

Roberto Escobar Imperfetta ma accettabile

.

Julia Kristeva La cultura è nel Dna dell’Europa. I tecnocrati della Ue sembrano non vedere che attraversa lingue e saperi nazionali: è un elemento di appartenenza

.

→ Giorgio Ficara Manuale di riscrittura. Raffaele La Capria. I due Meridiani dedicati all’opera dell’autore di «Ferito a morte» sono un invito a riflettere sulla vera letteratura

.

Filippo La Porta Un sogno per lo Strega. Modesta proposta di uno dei giurati: più che riformare il premio, sarebbe bello che in finale arrivassero le opere più letterarie, meno prone alla cultura del bestseller…

.

Michele De Mieri Le infinite lezioni del cronopio. Julio Cortázar

.

→ Maria Bettetini Vince la sfida dei «logoi». I testi platonici sono pieni di contraddizioni, aporie, problemi irrisolti. Ma sono in linea con l’arte del maestro Socrate: non proporre tesi, ma un metodo per pensare

.

→ Nicla Vassallo C.S. Peirce, il grande. Nel centenario del filosofo e padre della semiologia (ma fu un chimico), un omaggio alle sue teorie e capacità

.

→ Donald Sassoon La Storia nelle scienze sociali. Marc Bloch. Con Lucien Febvre fondò gli Annales, cambiando prospettiva: si studiano i mutamenti lenti come le abitudini, i riti, l’alimentazione

.

Francesco Perfetti Lo sguardo sulla Ghirlanda

.

Riccardo Antoniani Misteri di un capitano. A 10 anni dalla morte restano irrisolti alcuni nodi sull’imprenditore, compreso quel capitolo scomparso di «Petrolio» di Pasolini…

.

→ Gianfranco Ravasi La buona fede genera il dialogo. Dalle grandi domande e religiose ed etiche sono scaturiti intensi scambi epistolari come quelli tra Carlo Maria Martini e Umberto Eco, Guido Ceronetti e Sergio Quinzio

.

Kate Atkinson Leggere Swann sotto le bombe. Appena suonava l’allarme, Ursula afferrava il suo libro da rifugio. Ma sotto, in cantina, questa volta non ebbe tempo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...