sabato 17 maggio 2014

65c1eab05c8a90e086eb82b5bc17e56b

Tullio Pericoli Luigi Malerba

.

la Repubblica

.

Gustavo Zagrebelsky Riforme e pregiudizio

.

Massimiano Bucchi Scienziati con il complesso di Frankenstein. La storia è piena di invenzioni poi rinnegate dagli stessi autori. Dalla bomba atomica alle app

.

Maurizio Crosetti  Quel colpo di Schiavio il primo urlo azzurro nella Roma fascista. Italia 1934. Il calcio come propaganda del regime la nazionale di Pozzo entra nella storia

.

Corriere della Sera

.

Michele Ainis Il cittadino sospetto e il cittadino perfetto. I pericoli del nuovo pauperismo

.

Valentina Fortichiari Miracolo a Milano fra Gabo e Za uniti dal basco e dal realismo magicoLa celebre poetica nacque nel ‘51 da un incontro fra García Márquez, morto un mese fa, e Zavattini

.

→ Antonio Pascale Autoinganni emotivi per scrittori curiosi. Il saggio di Corbellini e Sirgiovanni

.

Umberto Curi La vita finisce, non si annulla. Il termine dell’esistenza secondo Nietzsche e Kierkegaard. Un problema centrale anche per Socrate e Seneca, che non ha soluzioni consolatorie

.

la Stampa

.

Gianni Riotta Dove ci può portare Internet a due corsie. Più veloce per chi paga di più: ma la Rete aperta è finita?

.

la Stampa – Tuttolibri

.

→ Marco Belpoliti Le galline pensose di Malerba sono sagge come maestri zen

.

Lorenzo Mondo Il passato è cocente nella casa del Girasole. Un uomo raduna la sua ex e coppie avariate di amici per vendere la fattoria dov’è nato e trovare pace. Elisabetta Rasy «Non esistono cose lontane» Mondadori pp.256,  €19

.

→ Piero Negri I suoni del mondo nell’infernale Mela. Da Patti Smith a Springsteen, dal jazz all’hip-hop: così la città più sporca e violenta d’America incubò genialità. Musica a New York anni 70. Will Hermes «New York 1973-1977. Cinque anni che hanno rivoluzionato la musica» Codice pp. 402, € 23

.

Alessandra Iadicicco “Anche la famiglia può diventare un covo d’odio”. Una cupa indagine (la settima) della serie con Hanne Wilhelmsen, poliziotta lesbica: un colossale patrimonio istiga al delitto. Holt, la regina del giallo nordico

.

Gianni Rodari La lettura è come l’albero, non fiorisce a comando. I consigli di Roberto Denti e nove ricette di Rodari per i genitori favole, romanzi, eroi di carta per bambini (e non solo) che sognano. Perché facciamo odiare i libri ai ragazzi?

.

Alberto Sinigaglia Manganelli, non si scorda la prima orgia di Mozart. Discorsi alla radio

.

 Bruno Quaranta Il grand commis dell’editoria. Gian Arturo Ferrari. “Il Libro come Tolstoj tra lo zar e il futuro”. “Da Guerra e pace all’ebook, ricordando un Maestro come Boringhieri: scegliere in autonomia e libertà”

.

l’Unità

.

Tobia Zevi Le sfide a sinistra: veloci e concrete. Le riforme devono passare anche da un nuovo modo di intendere la politica

.

l’Unità – Left

.

Gianfranco De Simone La religione del silenzio. I Quaderni neri di Heidegger sono un innegabile manifesto di razzismo. Ma gli intellettuali italiani che, nel ’68 e negli anni del pensiero debole, si sono lasciati abbagliare dal suo pensiero, ancora tacciono

.

Adriano Prosperi L’Italia nelle trame di Gladio

.

il manifesto

.

Giuseppe Acconcia Tra Qom e Mashad ripensando Khomeini. Iran. A tenere vivo lo spirito rivoluzionario del paese sono i grandi centri dell’islam sciita. La rivoluzione iraniana è alla ricerca di nuovi simboli. Ma le aperture di Tehran sono lontane tra gli irriducibili sostenitori dell’ex presidente Ahmadinejad che criticano il riavvicinamento con Washington, guardando a Damasco e Hezbollah

.

→ Benedetto Vecchi L’enclosures dell’innovazione. I successi di Apple, Google e Big Pharma non sarebbero stati possibili senza i finanziamenti di Washington elargiti a università e imprese. Un sentiero di lettura a partire dal saggio dell’economista Mariana Mazzucato per Laterza editore

.

→ Marco Pacioni Il sistema diabolico del totalitarismo. «I filosofi di Hitler» di Yvonne Sherratt, per Bollati Boringhieri. La studiosa «dice» solo l’adesione al nazismo di pensatori come Heidegger o Schmitt, niente sulle loro idee

.

pagina 99we

.

→ Nicola Mirenzi Perché la crisi è un’età dell’oro per i politici (svegli) di sinistra. Michael Walzer. Tornare a pensare in termini di classe. E organizzare lo scontento. I consigli dell’intellettuale liberal Usa. Buoni anche per Renzi

.

il Foglio

.

Pietrangelo Buttafuoco Madamine in fiore. Sono le Signorine Uno, come la Innocenzi. Sono quelle – come la Chirico, la Barra, la Francini – che hanno trasformato in Care Zie pure la Bignardi e la Costamagna

.

Michele Magno Quel che resta di Gandhi. Il tramonto in India del Partito del Congresso. Fondato da un rivoluzionario ostile alla lotta di classe

.

→ Nicoletta Tiliacos Gustave Doré l’uomo che voleva illustrare il mondo. L’immaginario al potere. Lo conoscono tutti, anche chi crede di non conoscerlo. Perché tutti, almeno una volta, hanno visto un’immagine dell’artista a cui il Museo d’Orsay ha dedicato una retrospettiva che sa di risarcimento

.

Giuseppe Rizzo Mark Twain dall’oltretomba. Il racconto di una vita fortemente esagerata. In italiano l’autobiografia, un puzzle lungo quarant’anni

.

→ Eugenio Cau I demolitori.  Su internet l’economia della condivisione si organizza e insidia i vecchi mercati. Dai taxi agli alberghi, la difesa delle corporazioni

.

Mariarosa Mancuso Nuovo Cinema Mancuso

.

→ Stefano Di Michele Un signor Papa. “Sa quante difficoltà ci sono a fare lo chauffeur de l’Eglise?”. Paolo VI parlava un italiano bellissimo e pensava in francese. Uomo di misura in un’epoca di dismisura

.

Marianna Rizzini London calling. Così Caterina Soffici, nipote d’arte, ex capa della Cultura al Giornale, è entrata nel club degli esuli mainstream in quota Fatto & Feltrinelli

.

Mattia Ferraresi L’ultimo re del glamour. Graydon Carter dirige Vanity Fair da 22 anni. Ma il potere di chi piace alla gente che piace si sta sgretolando

.

Libero

.

Mario Bernardi Guardi I segreti di Dante Gabriel Rossetti che dipingeva sognando vampiri. Nella mostra torinese sulla «Confraternita» emerge il lato gotico del pittore nipote dello scrittore horror Polidori, fan di Frankenstein, attratto dal buio

.

il Giornale

.

Matteo Sacchi “Internet non salva il mondo. Ma l’etica salverà Internet”. Evgeny Morozov. Il controverso politologo bielorusso, famoso per le dure critiche alla Rete, ci spiega la sua battaglia: “Non possiamo delegare il mondo ai tecnocrati”

.

Luigi Mascheroni I libri? Li brucia chi ne ha letti di più. Non sono gli analfabeti ma gli uomini di cultura a distruggere le opere “pericolose”. E non solo nelle epoche buie…

.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...