Mario Fortunato Coppertartt

1097-donna-tartt

l’Espresso n°16 24 aprile 2014

.

Il libro di Mario Fortunato

Coppertartt

.
È evidente che la critica letteraria italiana è un po’ giù di corda. Viceversa non si sarebbe letto su di un importante quotidiano nazionale che Donna Tartt, autrice del romanzo “Il cardellino” (Rizzoli, traduzione di Mirko Zilahi de’ Gyurgyo-kai, pp. 892, € 20), è la Charles Dickens dei nostri tempi. Si sarebbe piuttosto letto che la scrittrice americana, classe 1963, ha de facto rielaborato “David Copperfield”, simile a quegli allievi delle accademie d’arte che, per esercitarsi, rifanno la Gioconda o altri grandi dipinti del passato. Di suo ha aggiunto al plot soltanto una specie di intrigo internazionale nel mondo dei mercanti d’arte.

Intendiamoci: Donna Tartt è una narratrice di robusta vena letteraria. I suoi due precedenti lavori (soprattutto “Dio di illusioni”) erano opere dalla trama complessa e, cosa ancora più importante, dalla scrittura raffinata e non convenzionale. Nel “Cardellino”, invece, Tartt sembra arretrare: ciò che nei primi libri era l’affresco di un mondo in sé conchiuso e autosufficiente, perduta la fiducia nel proprio universo interno, qui finisce per appoggiarsi alla stampella di Dickens, come a darsi coraggio, o peggio per restituirsi un senso. Il risultato è un racconto inutilmente lungo, digressivo, in cui i personaggi e l’azione sono continuamente diluiti in notazioni non memorabili.

978880621406GRA

Un vero peccato: anche perché la scrittrice ha dedicato anni a questo testo che vuole riesumare il cadavere del vecchio romanzo di impianto ottocentesco, inevitabilmente fallendo l’obiettivo. Perché la verità è che il romanzo ha assunto oggi altre forme e linguaggi: e lo dimostrano i recenti libri di due scrittrici, Valeria Parrella (“Tempo di imparare”) e Sandra Petrignani (“Marguerite”), che, non essendo americane, ed essendo noi italiani inclini all’esterofilia, non godono di analoghe aperture regalate a Donna Tartt.

marguerite_02

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...