sabato 1 febbraio 2014

92b3567db1a348d7e221254b7fec828c

 Viktor Efimovich Popkov  “Silence” 1972 

.

la Repubblica

.

Tito Boeri Dalla Fiat all’Electrolux quando il lavoro divide

.

Michele Smargiassi Caterina e le donne. Storia di una ragazza che nel Settecento viveva come un uomo. Si faceva chiamare Giovanni e fu uccisa per aver rapito la sua amata. Un libro ne ricostruisce la vicenda

.

→ Sam Roberts Il Bronx di Tom Wolfe. Case e macchine di lusso quanto è cambiato il cuore nero di New York

.

Valerio Magrelli Il nonsense a risposta multipla. Un libro raccoglie le “Cento domande”, i folli test pubblicati nel 1970 dal poeta John Ashbery. Cento domande a scelta multipla di John Ashbery (Benway Series)

.

Corriere della Sera

.

→ Lucrezia Reichlin Abbaiando nel buio. Banche, chi le controlla

.

Franco Cordelli Tutti spiano la Bellezza, ma l’Eros non c’è. Nella «Celestina» di Ronconi lo sfacelo del mondo che cambia e si autodistrugge. Allo Strehler la commedia scritta nel Quattrocento da Rojas, poi adattata da Garneau. Qui all’insegna di artificio e desolazione

.

l’Unità

.

→ Alberto Crespi Rivoluzione Jancso. Muore il più grande regista ungherese. La sua svolta artistica fu negli anni 60. Il suo stile spezzò le convenzioni naturaliste per uno stile la cui parola chiave fu «piano-sequenza».  Ha lavorato per dieci anni a Roma realizzando molti film, tra cui il famoso «Vizi privati pubbliche virtù» con Giovanna Gagliardo. Aveva 92 anni

.

Maria Grazia Gregori Tra sesso e morte. Ronconi mette in scena «Celestina» un testo crudo sui corpi in vendita

.

il manifesto

.

Spinelli, Camilleri, Gallino, Flores, Revelli, Viale Lista Tsipras, il lavoro da fare

.

Elfi Reiter Ryan Mendoza. L’alchimista dell’immagine. Ospite star a Bologna, nella fiera indipendente Set Up, l’artista Usa racconta come nascono le sue opere. «La mostra s’intitola ’Chromophobia’ perché indica la paura dei colori e anche il razzismo che c’è in Michigan»

.

→ Marco Pacioni Il linguaggio viaggia nelle costellazioni. «Walter Benjamin. Testi e commenti» per Quodlibet

.

Alberto Prunetti L’hobbit libertario di Wu Ming 4. «Difendere la Terra di Mezzo», un saggio su Tolkien per la casa editrice Odoya. «Il signore degli anelli» letto come un affresco dove il centro della scena è occupato da una critica anarchica del potere

.

Gianfranco Capitta Il Cinquecento si addice a Ronconi. La «corte dei miracoli» della «Celestina» in una versione più vicina alla nostra sensibilità, che rispetta però in pieno le caratteristiche del testo originario. La storia è quella dell’amore maledetto tra Calisto e Melibea, ma al centro c’è lei, Celestina, maga e ruffiana, a cui da corpo con grinta Maria Paiato. Una regia che mostra la lucidità di un progetto artistico

.

il manifesto – Alias

.

Eduardo De Filippo. Maschere e pugnali. Un grande omaggio al genio del teatro italiano del Novecento parte dal sud, dall’università di Calabria coinvolgendo fino ad ottobre gli atenei di Salerno, Messina, Napoli, Roma

.

→ Alessandro Cappabianca Il virtuosismo del gesto che sconfigge la parola

.

Roberto Di Gaetano Commedia scettica e grottesco nero. Nel nostro cinema quel registro espressivo fagocita attraverso le maschere ogni tipo di intreccio

.

Tommaso Basevi  Parigi brucia? La città di cartapesta. Il governo francese nel 1918 pianificò la costruzione di una «finta» Parigi che potesse trarre in inganno i piloti tedeschi a quei tempi sprovvisti di radar. Si riuscì a simulare la linea ferroviaria di nord ovest, verso Maisons-Laffitte. Poi la guerra finì

.

Pasquale Coccia Da Fitzgerald a DeLillo la letteratura sportiva non è di serie B. Il marchio delle edizioni «66tha2nd». Storie e leggende sportive, la sfida della casa editrice fondata da Isabella Ferretti insieme al marito Tomaso Cenci

.

Europa Quotidiano

.

Antonello Colimberti Sulle note dell’Islam. Pubblicato in Italia a venticinque anni dall’edizione francese uno studio di Jean During diventato un classico della etnomusicologia

.

Libero

.

Gian Paolo Serino Tradimenti e matrimoni a pezzi nella sceneggiatura dimenticata. Fitzgerald. Il grande autore americano lavorò a «Infidelity», film pensato per Joan Crawford. Ma il copione fu bloccato. Mettere in scena la reciproca infedeltà era un tabù

.

il Giornale

.

Francesca Amé “L’arte è sempre politica Anche a sua insaputa…”. Un libro indaga il rapporto tra creatività e potere: “Non esistono opere disimpegnate. Ma vanno giudicate per il talento e la forza che hanno”

.

Giancristiano Desiderio In inglese Croce si dice Collingwood. Esce l’«Autobiografia» del filosofo britannico. Fautore dello storicismo contro l’astrattezza di metafisica e «realismo». Un critico (in anticipo) del postmoderno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...